Ampliamento Orfanotrofio
St. Jude

sogni

sogni

sogni

sogni

STORIA:
L’orfanotrofio St. Jude a Gulu nell’ Uganda del Nord è il cuore di Byelo che proprio qui si è impegnata con molti progetti sin dal 2004.
Il St. Jude Children’s Home è stato fondato nel 1981 da Bernadette Akwero. Alla sua morte avvenuta nel 1992 , la gestione è passata al comboniano Brother Elio Croce. Ospita attualmente ca. 90 orfani da 0 a 18 anni.

OBIETTIVO:
Durante la guerra civile durata oltre 20 anni, l’obiettivo prioritario del St. Jude era la sicurezza dei bambini: gestione centralizzata con grandi dormitori senza finestre ma con prese d’aria sotto i soffitti, refettorio comune, cucina centralizzata.
Oggi nel dopoguerra l’obiettivo prioritario può finalmente essere la sana crescita e la formazione dei bambini, trasformando una comunità istituzionale in un villaggio di case famiglia.
Brother Elio Croce, comboniano, presente da 35 anni sul territorio e ‘padre’ di tutti i bambini dell’orfanotrofio, ha iniziato la ristrutturazione del St. Jude con l'obiettivo sia di formare i singoli gruppi familiari, sia di suddividere gli edifici esistenti in unità abitative.
Ogni ‘famiglia’ è composta da 10 bambini di tutte le età e dalla loro ‘mamy’ ; tutti insieme devono vivere le quotidiane dinamiche di una famiglia, dove ciascuno svolge un proprio compito e ne è responsabile.
Brother Elio ha acquisito i finanziamenti per la realizzazione di n. 7 unità abitative che sono in fase di ultimazione.

PROGETTO:
Byelo costruirà un edificio che darà spazio a 2 gruppi familiari di 10 bambini ognuno, dove crescere con fratelli e sorelle e potersi poi un giorno inserire nel contesto sociale e lavorativo fuori dal St. Jude.