ORFANOTROFIO ST. JUDE

clicca sulle foto

La ‘corsa’ al St. Jude era il mio primo desiderio all’arrivo a Gulu. Che tenerezza infinita abbracciare i bambini assetati di affetto, ma anche vedere, appena superato il cancello, l’immensa scritta ‘ TO REMEMBER OUR BELOVED MAMMA SVEVA – funded by Byelo onlus’, dipinta lungo tutta la facciata dell’ edificio. La dedica sull’edificio da noi realizzato per il St. Jude non è stata una nostra richiesta, ma un atto spontaneo di un ‘figlio pittore’ di Sveva. Con commozione ho potuto sentire che questa casa di Mamma Sveva non è fatta solo di mattoni, ma che il suo ampio androne, che funge da luogo di accoglienza e di incontro, è un grande abbraccio di Sveva che raccoglie con allegria tutto e tutti. Il progetto si può considerare concluso, ma continuerà a vivere sempre in quel grande abbraccio.
Le altre opere che Brother Elio ha realizzato al St. Jude sono veramente sorprendenti. Le case famiglia già abitate non solo sono bellissime ma sono nettamente al di sopra di ciò che una famiglia media ugandese può sognare. Gli orfani del St. Jude che le abitano, con le cure delle loro mamy, si avviano concretamente ad una vita migliore.
La lungimiranza di Brother Elio lo spinge sempre a nuove iniziativa. La ‘Farm’ creata da lui in anni di duro lavoro, fornisce oggi una varietà di prodotti alimentari ai bambini del St. Jude, mai conosciuta prima. Non solo: Brother Elio con la commercializzazione dei suoi prodotti garantisce una sempre maggiore autonomia all’orfanotrofio.
Non posso non farvi vedere l’ultima opera edilizia di ‘Fratel Mattone’, (come chiamiamo il nostro caro Brother Elio).
Questa chiesa sorge in vicinanza dell’Ospedale Lacor.
(Dalla relazione del viaggio in Uganda - Giugno 2013)